Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Roma e il Lazio creeranno nuovi manager nel settore del turismo sportivo. Lo sport è strumento determinante per la crescita dei territori e il turismo attività intersettoriale e interdisciplinare. Partendo da questo binomio l'Università di Tor Vergata, in collaborazione con CONI Lazio e Federazione Golf, ha realizzato un workshop stamattina al palazzo delle Federazioni in via Flaminia 74. Al centro del dibattito, cui hanno dato voce esponenti del mondo dello sport e dell'imprenditoria, una riflessione sullo stato dell'arte delle attività che ruotano intorno al turismo sportivo, che a partire dal prossimo anno accademico avrà un suo corso di laurea triennale in Scienze del Turismo sportivo (SciTUR) all'interno del Dipartimento di Storia, Patrimonio Culturale, Formazione e Società. Del turismo legato agli eventi sportivi e allo sport in generale, che oggi rappresenta il 10% del fatturato dell'intera industria turistica mondiale, si è parlato anche con i rappresentanti del 6 Nazioni di rugby, della Maratona di Roma e della Ryder Cup di golf, il grande evento che Roma ospiterà nel 2022.

Il presidente Viola ha rivendicato l'impegno che il CONI Lazio ha profuso fin dal 2015 per coniugare sport e turismo attraverso iniziative concrete, come il protocollo d'intesa firmato con 12 Comuni del quadrante nord-ovest della Città Metroplitana e denominato "Alleanza per il rilancio del turismo nell'Etruria meridionale", da cui è scaturito l'evento sportivo "Etruria in vela", a sua volta legato alla scoperta del territorio e delle sue eccellenze gastronomiche. Con "Sport e Turismo, compagni di viaggio", protocollo d'intesa siglato con la Città Metropolitana di Roma nel 2016, si è creato il tessuto per una serie di incontri e dibattiti tra sport, enti locali e imprenditori del settore sul tema sportivo in varie zone del Lazio, e in particolare a Fiuggi, Sora e Colleferro. Il primo corso per Animatori Creativi, varato lo scorso anno dalla Scuola dello sport del Lazio, ha formato 40 giovani tra i 18 e i 25 anni che in estate potranno fare esperienza nei villaggi turistici della penisola. Oggi, contattato dall'Università di Tor Vergata, il CONI Lazio ha avviato una collaborazione con l'ateneo per dare seguito all'attivazione del corso di laurea che vedrà la luce il prossimo anno.

"Dalle università romane escono più laureati in scienze motorie che da ogni altro ateneo italiano - informa il Magnifico Rettore di Tor Vergata Giuseppe Novelli - purtroppo, a cinque anni dalla laurea, il loro guadagno medio è di 896 euro. Ci auguriamo che questa possa rappresentare una nuova, concreta opportunità lavorativa." "Il nuovo manager turistico-sportivo sarà una figura capace di muoversi su diversi piani laddove in passato spesso si faceva riferimento al volontariato - spiega il coordinatore del nuovo corso di laurea Nicolò Costa - perchè come ci sono tanti eventi sportivi differenti, allo stesso tempo esistono tante tipologie di turisti sportivi diverse tra loro; un turista al seguito del 6 Nazioni non è lo stesso che si muove per la Ryder Cup, che a sua volta è ancora di una tipologia diversa rispetto all'appassionato tennista."b287ac0d-afe3-4723-81a5-546ad8c697a6.jpg