Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Grande interesse e tante richieste di prove sul campo, o meglio sull’acqua. La cronaca del successo annunciato della prima volta del SUP (stand up paddle) a “I giovani incontrano i campioni”, è presto detta. Ad ospitarne ieri il debutto la SMS “Salvo D’Acquisto” di Settevene Palo, che ha accolto con entusiasmo e tantissimi studenti (al punto di dividerli in due gruppi per due distinte “lezioni”), l’intervento di Tommaso Pampinella, vincitore del primo campionato italiano cl.14’ svolto sotto l’egida FISW, nel 2017 a Oristano. Il SUP, nato alle Hawaii come pure il surf da onda, con un numero di praticanti in continuo aumento, è considerato lo sport acquatico del momento. Ciò che fa apprezzare di più il pagaiare su una tavola da surf è il divertimento che se ne può trarre, riuscendo a mescolare le sensazioni del surf a quelle del windsurf, oltre a quelle della più comune canoa. Tommaso era accompagnato dal delegato FISW di Roma Pier Luigi Rovegno e dall’istruttrice e travel & sup blogger Valeria “Cira”. “È stata un’occasione per far conoscere e avvicinare i ragazzi allo sport attraverso una disciplina di prestigio, ma comunque meno conosciuta rispetto ad altri sport acquatici – ha dichiarato Federica Battafaranolezione sup.jpg, assessora alle politiche sportive del comune di Cerveteri - una piacevole mattinata in cui sport e scuola si sono uniti, che come già avvenuto in passato auspico possa ripetersi anche in futuro”.pampinella 1.jpgRovegno 1.jpg