Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Roma. Dopo le carceri e gli ospedali pediatrici, lo sport porta il suo messaggio solidale in periferia. Zona nord ovest della Capitale, Casalotti è una borgata dove il verde si conquista soprattutto grazie alla buona volontà dei cittadini che da anni combattono per rendere più vivibile il loro quartiere. Qui si è svolta la XV Giornata Nazionale dello Sport, celebrata con una corsa podistica chiamata “Ferro di Cavallo”, 10,5 km di asfalto a ridosso del GRA. “Sarebbe stato facile, e forse anche più di richiamo, una manifestazione in centro. Ma la bellezza dello sport è proprio la sua capacità di creare momenti di festa e aggregazione in ogni luogo” ha detto il consigliere comunale Angelo Diario, dopo aver corso ed essere giunto terzo nella sua categoria con un rispettabilissimo 41’47”.  “Cerchiamo di essere presenti dove possiamo dare un aiuto concreto – ha dichiarato da parte sua il presidente Riccardo Viola – perché il messaggio di una giornata come questa è che lo sport può aiutare il tessuto sociale di una comunità.”

Nel frattempo a Ladispoli, una trentina di chilometri più a nord, in collaborazione con l’amministrazione comunale si stava inaugurando un villaggio dello sport, con una serie di postazioni dislocate nei punti nevralgici della città: karate, tiro a volo e pattinaggio nella centralissima piazza Marescotti; vela, surf, windsurf e beach volley sul lungomare Regina Elena; volley e basket nei giardini di via Firenze. Discipline per tutti i gusti e tutte le età per ricordare che lo sport è anche salute. Una giornata di festa conclusasi con la premiazione dell’atleta dell’anno.

A Fondi nell’Anfiteatro cittadino che ha segnato la prima tappa di Sport in Piazza “Coni e Regione, compagni di sport”, la Giornata Nazionale dello Sport è stata festeggiata nell’ambito del Memorial Valentina Sciuto, manifestazione sportiva che ricorda la dodicenne studentessa, appassionata di basket, scomparsa in un incidente stradale nel 2010. “Giocando con Valentina” a partire dalle 9 ha visto disputarsi due tornei di pallamano e pallavolo e nel pomeriggio a partire dalle 15, un Grand Prix di Minibasket. Non sono mancati tennis tavolo, dama, scacchi, gonfiabili e giochi tradizionali.

Al Terminillo il convegno “Sport e Natura”, organizzato a margine della gara ciclistica Terminillo Marathon, che quest’anno ha attraversato alcune delle zone colpite dal sisma del 2016, è stato lo spunto per toccare i temi della GNS 2018. La montagna in provincia di Rieti può vantare scorci di grande bellezza e molto apprezzati, ma si tratta di un ambiente delicato che va salvaguardato. Lo sport può funzionare da catalizzatore di energie positive in questo senso. La Terminillo Marathon ne è un esempio e il messaggio, per essere più efficace, deve essere veicolato attraverso giovani e studenti.

A Frosinone la GNS 2018 ha sposato un’altra corsa podistica molto sentita sul territorio, il Trofeo Victoria organizzato da FIDAL e dall’atletica ACS Segni-Colleferro. Giunta alla 6^ edizione il Trofeo Victoria sta diventando a piccoli passi una classica delle corse podistiche di Frosinone.

La prima edizione con partenza dalla parrocchia di Madonna della Neve ed arrivo all'interno della pista, riscosse subito un importante successo con circa 300 atleti. Vinse la gara in questa prima edizione l'atleta marocchino Lalami tesserato con la RCF Roma Sud. Nel corso degli anni il numero dei partecipanti è cresciuto fino apremiazioni Ladispoli.jpgi 500 del 2018.

A Viterbo la XV Giornata Nazionale dello Sport è stata la cornice del torneo di calcio giovanile organizzato dalla SSD Calcio Tuscia per la fine della stagione 2017/18. Da anni impegnata nel territorio nello sviluppo di un progetto di crescita sportiva, nonché di aggregazione e valori all'insegna dello sport condiviso che possa degnamente rappresentarlo, la società viterbese si propone di promuovere lo sport ed in particolare il calcio giovanile, come attività salutare e aggregante per tutti e come occasione di incontro di ragazzi ed adulti che si riconoscono nei valori dello sport e nei principi di lealtà e solidarietà. (nella foto, la cerimonia di premiazione dell'atleta dell'anno a Ladispoli)