Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Squilli di tromba e inno di Mameli agli Europen Championship di Glasgow, dove nella seconda giornata di gare Simona Quadarella brilla d'oro negli 800 stile libero vinti in 8'16''35, record italiano che cancella l'8'17''21 con cui Alessia Filippi fu di bronzo ai Mondiali di Roma 2009, in piena epoca di costumi gommati. Una vittoria per la 19enne di Roma - tesserata per Fiamme Rosse e CC Aniene e allenata da Christian Minotti - che segue il bronzo mondiale nei 1500 dell'estate scorsa, le vittorie alle Universiadi di Taipei negli 800 e nei 1500 e le medaglie d'oro nei 400 (con personale di 4'05"68) e negli 800 ai recenti Giochi del Mediterraneo di Tarragona. "E' il mio primo record, un po' me l'aspettavo ma è sempre una grande soddisfazione - spiega Quadarella, sesta italiana a medaglia nella specialità (2-1-3) per un gradino più alto del podio che mancava da Eindhoven 2008 quando a salirci fu proprio Alessia Filippi - Nei 1500 proverò a fare il bis: sarebbe molto importante e il coronamento di un grande lavoro che sto portando avanti in queste stagioni". Il giorno prima era arrivato l'argento per la coppia Minisini-Flamini con l'ormai famoso "Urlo di Lampedusa", superati per un soffio dalla coppia russa Gurbanberdiev / Maltesev. (nella foto. Quadarella a Roma per la Settimana Europea dello Sport 2017)coni_10_20171002_1672162957.jpg