Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

206 Paesi con quasi 4000 giovani tra i 15 e i 18 anni che si metteranno in mostra per conquistare il futuro. Alla vigilia dall’apertura delle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires, dove i campioni di domani si sfideranno dal 6 al 18 ottobre nella capitale argentina in ben 32 discipline differenti, l’Italia sarà presente con una delegazione record: 84 azzurri, di cui 50 ragazzi e 34 ragazze. E’ la squadra azzurra più numerosa di sempre, con 15 atleti in più rispetto all’ultima edizione, quella di Nanchino 2014. Questi sono quelli del Lazio.

 

Arrampicata Sportiva: Premio CONI Lazio 2016, Laura Rogora, scala in fretta anche le tappe. Oro ai mondiali giovanili di Mosca ad agosto e decima a Innsbruk un mese dopo in quelli dei “grandi” nella specialità boulder, quella che sarà rappresentata a Tokyo 2020.

Atletica Leggera: Lorenzo Benati (Atletica Roma Acquacetosa), speranza azzurra nei 400 m., porta in dote l’oro continentale u.18 nel giro di pista. Ivan De Angelis, astista della Fiamme Gialle Simoni, vanta un personale di 5.12 che è anche la miglior prestazione italiana; Francesco Guerra (RCF Roma Sud), vincitore ai campionati italiani Allievi nel giugno scorso, sarà in pista per i 3.000 metri.

Golf: Andrea Romano è reduce dalla vittoria agli Internazionali di Francia. Il diciottenne del Golf Club di Castelgandolfo appena 15 giorni prima si era aggiudicato anche i campionati italiani.

Tuffi: C'è attesa per Chiara Pellacani (fratello calciatore e papà giornalista sportivo), che appena sedicenne è salita sul gradino più alto del podio ai Campionati europei dei “grandi” nella gara “sincro” trampolino da 3 mt. (in coppia con Elena Bertocchi).

Pentathlon Moderno: Alice Rinaudo dominatrice ai Mondiali Youth di aprile in Portogallo e successivamente privata di quello continentale (già conquistato) in Polonia due mesi dopo, avrà una motivazione in più per dare il massimo a Buenos Aires.

Scherma: Di Davide Di Veroli si è detto molto. Portabandiera azzurro, primo schermidore ad assurgere a tale onore, allenato da Maria Pia Bulgarini e Massimo Ferrarese, ama la danza al pari del fioretto. Romano dell’EUR, ha dominato a livello giovanile conquistando la medaglia d’oro nella spada prima agli Europei e poi ai Mondiali giovani e cadetti negli Under 17 (in più c’è l’argento iridato con gli Under 20).

Tennistavolo: Ha esordito in Nazionale maggiore due giorni prima di compiere i 14 anni. Jamila Laurenti da Montopoli a 15 ha conquistato il ti2018-03-28-buenos-aires.jpgtolo mondiale di categoria e pochi mesi dopo grazie alla vittoria nel torneo internazionale di Asuncion si è qualificata per i Giochi olimpici giovanili; prima azzurra a centrare l’obiettivo così giovane.

Vela: Giulia Fava è il talento civitavecchiese del Nacra 15, catamarano che divide (insieme ai successi) con Andrea Spagnoli. Insieme vicecampioni d’Europa ad agosto sul lago di Como, i due avevano già staccato il biglietto per l’Argentina il mese prima grazie all’argento ai mondiali giovanili in Texas.

Programma: https://www.buenosaires2018.com/results/en/all-sports/competition-schedule.htm?lng=it