Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Trionfo azzurro sulle pedane di Buenos Aires. La seconda giornata di gara dei Giochi Olimpici Giovanili porta in dote la prima medaglia d'oro per la spedizione azzurra ed arriva per merito del portabandiera, Davide Di Veroli. L'atleta romano, allenato dai Maestri Maria Pia Bulgherini e Massimo Ferrarese, conquista la medaglia d'oro al termine della gara di spada maschile, facendo innalzare quel tricolore che aveva portato, fiero ed orgoglioso, alla cerimonia d'apertura. L'Inno di Mameli risuona al Pavillion Africa accompagnato dal canto dei tanti sugli spalti che hanno seguito Davide Di Veroli nel suo percorso sino al gradino più alto del podio olimpico giovanile.

Dopo una fase a gironi non brillante, con due vittorie e due sconfitte, l'azzurro ha superato  nettamente per 15-5 il cinese Li Zhiwei. Ai quarti si è avuto l'assalto più ostico, contro l'austriaco Alexander Biro, concluso in favore dell'azzurro col punteggio di 15-13.
La semifinale ha visto invece Davide Di Veroli superare brillantemente per 15-9 l'egiziano Mohamed ElSayed prima della finalissima contro il tedesco Paul Veltrup conclusasi sul 11-4 e che ha dato via alla festa tricolore in tribuna ed in pedana.

”Sono felicissimo anche se non ero partito come avrei voluto ma ho recuperato la concentrazione strada facendo e sono riuscito a fare bene. Dedico questa medaglia alla mia famiglia e ai miei maestri ma anche ai ragazzi della palestra e a chi ha fatto il tifo per me". (fonte Federazione Italiana Scherma)Davide_Di_Veroli_medaglia.jpg