Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Si è conclusa a Viterbo la prima parte del progetto “Lo sport entra nelle carceri”, voluto da Regione e Coni Lazio, in collaborazione con le direzioni degli istituti di pena di 12 strutture delle varie province. Nel capoluogo della Tuscia, presso la casa circondariale di Mammagialla, si è tenuta la seconda edizione del quadrangolare di calcio. Al mini torneo hanno partecipato le due formazioni interne alla struttura, ovvero i padiglioni D1 e D2 (allenati rispettivamente dai tecnici Romolo Ercoli e Massimo Baggiani) e le squadre dell’Aia (Associazione italiana arbitri) e del Sodalizio facchini di Santa Rosa.

La finale, giocata tra D2 e Facchini, ha visto la vittoria di questi ultimi con il risultato di 4-1, ma solo a capo di un match comunque combattuto ed equilibrato per larga parte della contesa.

Il progetto “Lo sport entra nelle carceri” proseguirà nei mesi di gennaio e febbraio con tornei di scacchi e lezioni di sala pesi sotto la guida di tecnici qualificati.  Un ringraziamento particolare alle squadre partecipanti, alla Sezione AIA di viterbo per la presenza arbitrale delle gare, ma soprattutto un grazie a dirigenza e personale della casa circondariale Mammagialla.mammaggialla calcio 2.jpgmammaggialla calcio.jpg