Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

La cerimonia inaugurale della Settimana della Cultura Sportiva, in programma fino al 10 maggio all’Università degli Studi di Roma “Tor vergata”, si è svolta ieri presso la Facoltà di Economia, alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni ed esponenti del mondo dello sport, tra i quali il rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” Giuseppe Novelli, il vicepreside della Facoltà di Economia Università Roma “Tor Vergata” Paolo Paesani, il presidente del Coni Giovanni Malagò, il prorettore Vicario dell’Università degli Studi di Roma “Foro Italico” Attilio Parisi e il presidente del Municipio Roma VI delle Torri Roberto Romanella.

La Settimana della Cultura Sportiva, giunta alla X edizione, rappresenta un appuntamento fisso che coinvolge non solo l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” ma tutto il territorio romano, in particolare la periferia di Roma-Est, il Municipio Roma VI delle Torri e i Comuni limitrofi. Durante la cerimonia d’inaugurazione è stato consegnato il “Premio Donna nello Sport”, alla sua prima edizione, a Marianna Caterina Banti, campionessa mondiale, europea e italiana di Nacra 17, una classe olimpica di vela, e a Francesca Ripandelli, campionessa europea universitaria di judo.

Le atlete sono state premiate dal rettore Novelli e dal presidente Malagò. Alla Banti è stato assegnato il Premio Donna e Sport per “la rilevanza consolidata di una donna che si sia mostrata, negli ultimi anni, straordinariamente attiva nell’ambito sportivo nazionale ed internazionale, conseguendo risultati di eccellenza, valutati sotto diversi punti di vista e ritenuti significativi dalla giuria di esperti che hanno valutato ed indicato la Sua persona come meritevole di questo riconoscimento”; a Ripandelli, campionessa europea universitaria di judo, è andato il riconoscimento per “il valore prospettico di una giovane atleta e donna di sport, che si è già manifestata ad altissimi livelli, fornendo significative indicazioni di qualità e di impegno per gli anni futuri, con particolare riferimento al mondo sportivo universitario”.

Sono intervenuti, inoltre, il presidente del Coni Lazio Riccardo Viola, che si è detto felice per una scelta, quella della Banti, da lui fortemente caldeggiata, Marcel Vulpis, direttore Sport Economy, e il Comitato organizzatore di Ateneo: Simonetta Pattuglia (Economia- coordinatore accademico), Mariolina Richetta (Ingegneria), Bruno Ruscello (Scienze Motorie – coordinatore organizzativo), insieme a Dario Farace (Giurisprudenza), Marcello Di Pasquale e Antonio Valerio Spera (Lettere e Filosofia). La parte delle attività sportive è curata da Manuel Onorati, presidente del Centro Universitario Sportivo-CUS “Tor Vergata” e Michele Panzarino, segretario generale Accademia nazionale.

L’edizione 2019 rinnova il binomio cultura-sport e propone lo sport non solo come attività da svolgere durante il tempo libero ma come e vero proprio stile di vita caratterizzato da un ben riconoscibile atteggiamento mentale e culturale. Durante la settimana, dal 6 al 10 maggio, si terranno sessioni tematiche interdisciplinarivergata-premio-donna-sport-banti-ripandelli-410.jpg che vedranno il coinvolgimento delle discipline umanistiche e scientifiche e delle diverse Macroaree e Facoltà dell’Ateneo, tra le quali Economia, Ingegneria, Lettere, Giurisprudenza, Scienze Motorie (Medicina).

La Settimana della Cultura Sportiva proseguirà fino a venerdì con attività e seminari. (si ringrazia Italpress)