Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Amichevole tra la neonata squadra di calcio femminile del Vaticano e l'AS Roma. "Sono circa 40 giorni che stiamo lavorando sulla formazione di questa rappresentativa: il Santo Padre ci invita sempre a confrontarci, unirci, parlarci, e un'attività del genere nasce su questa scia". Così Gianfranco Guadagnoli, tecnico della neonata Nazionale di calcio femminile dello Stato Vaticano, al termine del primo match giocato dalle sue ragazze al cospetto della Roma. "Siamo qui per imparare ed è un onore giocare con questa maglia", il parere unanime delle calciatrici che nella vita lavorano all'interno dello Stato della Chiesa in vari settori. La squadra è composta per il 60% da dipendenti, per un altro 20 % da mogli di dipendenti e per il restante 20% dalle figlie dei dipendenti. A tenere a battesimo la formazione bianco e gialla, nella giornata dedicata alla femiglia, sul campo di via Santa Maria Mediatrice, è stata la As Roma che partecipa al campionato di serie A. Programmato anche un esordio internazionale per il 22 giugno a Vienna contro una selezione locale. A dare il calcio d'inizio il presidente del CONI Lazio Riccardo Viola che ha voluto sottolineare "l'importanza di questa novità che è un biglietto da visita speciale per il calcio femminile." (foto da Il Messaggero)4517221_001.jpg