Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Dopo Sutri e Santa Marinella la terza tappa di Sport in piazza ha toccato ieri Rignano Flaminio, comune di 11mila abitanti a nord della capitale. L’iniziativa che promuove lo sport gratuito e di cittadinanza targata CONI e Regione, compagni di sport, ha trasformato piazza Vittorio Emanuele dalle 11 alle 19 in una grande palestra open aircon 16 discipline e altrettante postazioni dove a centinaia, soprattutto giovanissimi, hanno praticato lo sport preferito, guidati dai tecnici di Federazioni e Associazioni sportive del territorio.

Fabio Di Lorenzi (sindaco di Rignano): Oggi in piazza abbiamo tanti sport, alcuni conosciuti ma altri molto meno, soprattutto qui a Rignano, e sono quelli che hanno riscosso più successo. Spero che presto, grazie alle associazioni che ci sono state al fianco nell’organizzazione della manifestazione, arrivino anche nel nostro territorio. 

Eugenio Patanè (consigliere Regione Lazio): Si parla tanto di diritti e quello allo sport è uno di questi. Coinvolge la salute delle persone, il loro benessere e in qualche misura li rende dei cittadini migliori. E’ per questo che sosteniamo il progetto e già da alcuni anni siamo a fianco del CONI Lazio nel promuoverlo.

Riccardo Viola (presidente CONI Lazio): Lo sport si riappropria della piazza, del luogo d’incontro della comunità. Torna ad essere linguaggio comune e mezzo di comunicazione, oltre che di benessere e salute. Ed è quello che accade quando le istituzioni dialogano tra loro e uniscono le forze per realizzarlo.

In mattinata all’Esquilino Viola, unitamente al presidente del I municipio Sabrina Alfonsi, l’assessore Anna Vincenzoni e, nel pomeriggio, Roberto Tavani della Regione Lazio, aveva salutato i piccoli protagonisti di “Una città a misura delle bambine e dei bambini”. Il torneo di minibasket organizzato dai collettivi delle scuole romane Di Donato e Bonghi, dedicato al tema della sicurezza e della prevenzione e intitolato a Mark Christian Matibag e Lavinia Moreschi quest'anno è stato inserito tra i Momenti Emozionali del progetto CONI e Regione. 

Intanto domani, lunedì 10 giugno, la parrocchia romana del Corpus Domini a Massimina terrà a battesimo un nuovo progetto inserito in Coni e Regione, compagni di sport. “Sport senza confini” permetterà a 60 bambini da 6 a 14 anni di praticare gratuitamente per due settimane pallacanestro, badminton, scherma, hockey, pallavolo, tennis, football americano, tiro a segno, tiro a volo.20190608_CONILAZIO_RignanoFlaminio_0104.jpg20190608_CONILAZIO_RignanoFlaminio_0373.jpg