Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Sabato 14 dicembre si è svolto l'ultimo atto del 2019 di “Lo Sport entra nelle carceri”, appuntamento sociale che rientra nel progetto “CONI e Regione, Compagni di Sport”. L'occasione, è stata quella della festa finale della sezione femminile dell'Istituto penitenziario di Rebibbia. Una mattinata di sport e socialità che ha generato tanto entusiasmo tra le detenute e i tanti ospiti presenti all'appuntamento.

La giornata ha visto tre squadre di calcio femminile sfidarsi in un torneo: quella delle ragazze dell'Atletico Diritti, la squadra composta dalle detenute che partecipa al campionato del Csi femminile, con le quali per l'occasione hanno giocato anche alcune rappresentanti della Nazionale Italiana Parlamentari capitanate dalla Sottosegretaria al Mibact Lorenza Bonaccorsi, quella del Vaticano e quella dell'Atletico San Lorenzo.

Al termine del triangolare c'è stato un momento di festa, con la premiazione per tutte le partecipanti e per i rappresentanti istituzionali del penitenziario e lo scambio di auguri per le feste natalizie.

 

Siamo qui per vivere una bellissima giornata di sport e condivisione. Lo sport è un veicolo di trasmissione di valori, rispetto delle regole, coesione sociale nella vita quotidiana di ciascuna persona – ha detto Maria LoCONI_LAZIO_CMYKlogo.jpgngo, direttrice della Casa circondariale Rebibbia femminile -”.

 

Ringrazio le istituzioni presenti, e in particolar modo il Presidente del CONI Lazio Viola per il sorprendente risultato ottenuto da questo progetto che da tre anni gira la nostra regione promuovendo lo sport a trecentosessanta gradi. La reclusione non deve limitare le condizioni di vita sana e del benessere dell'individuo e lo sport può contribuire molto a favorire questo - Stefano Anastasia, Garante dei detenuti della Regione Lazio -”.

 

Ringrazio il CONI e la Regione Lazio, insieme alle istituzioni carcerarie, per aver realizzato questo evento, contribuendo a far vivere una giornata di normalità alle donne dell'istituto - Lorenza Bonaccorsi, Sottosegretaria al MIBACT -”.

 

Ringrazio tutti per il sostegno che ci è stato dato in questo lungo percorso di sport e socialità. Un sostegno fondamentale, grazie al quale questo progetto, realizzato insieme alla Regione Lazio, ha ottenuto un grande successo qui e in tutti gli Istituti penitenziari della regione – ha detto il Presidente del CON I Lazio Riccardo Viola”.

 

Siamo molto soddisfatti per tutto quello che ha rappresentato questo progetto per centinaia di detenuti della nostra regione e oggi, con questa festa finale qui a Rebibbia, abbiamo l'ennesima prova di quanto si stato importante in questi tre anni promuovere lo sport nelle carceri – ha detto lo sport advisor della regione Lazio Roberto Tavani”:

 

Per noi è stato un onore partecipare con la squadra nata solo pochi mesi fa a questa giornata che ha coniugato lo sport con i diritti delle persone - Danilo Zennaro, rappresentante della squadra del Vaticano -”.